Il punto a “Croce”

“Il Punto… a CROCE”
Editoriale a cura del Nostro Direttore Giornalista STEFANO CROCE
Numero 20 del 28/04/17

“TRA I TUTTOLOGI DEL WEB TROPPI AUTO-MEDICI!”

La “fifa”, una volta se ne andava via lentamente nella sala d’attesa del medico di famiglia.

Si entrava col patema, si sfogliava una rivista datata, quattro chiacchiere con un anziano mutuato e, ben prima della pacca salvifica da parte del dottore, si stava già meglio.

I tempi cambiano ma l’ipocondria resta. Oggi, invece d’interpellare il saggio medico di base, ci si scatena nell’autodiagnosi sul web. Vero è che, inseriti dati alla rinfusa, ogni sintomo potrebbe celare morbi inenarrabili. E allora perché farci così male? Alzi la mano chi non ha mai consultato il breviario delle malattie su Internet per un semplice raffreddore.

Se questa faccia della medaglia – da una parte – merita un sorriso, tutt’altro tenore su quella opposta. Mi riferisco a chi, colpito da una grave disgrazia, rifugge le cure tradizionali e si affida ai rimedi alternativi con esiti spesso drammatici.

Ritengo che intraprendere il viaggio della speranza sia un diritto di ogni malato, una sorta di palliativo necessario alla mente nel rimuovere l’angoscia per pochi istanti.

Tuttavia consegnare la propria esistenza in prima battuta a pratiche empiriche e mai documentate equivale spesso a dire preventivamente addio alla vita.

E ciò è peccato, comunque si creda: la vita è bella e “che sia benedetta”. Nonostante tutto.

Leave a Comment

Rate this by clicking a star below: