Il punto a ” Croce”

“Il Punto… a CROCE”
Editoriale a cura del Nostro Direttore Giornalista STEFANO CROCE

Numero 22 del 04/05/17

“Al momento hanno cancellato Tutti”
Agli “vecchi” Alieni di Barcellona hanno spento il Raggio Atomico.

Ai giovanissimi fenomeni di Montecarlo hanno bloccato la crescita.

Pure a WhatsApp – forse – hanno “crashato” per ore il funzionamento…

Barça, Monaco, Social/Chat… non c’è avversario che tenga.

La Juve ha sbancato il Casinò di Montecarlo, innestato il turbo integrale ed imbocca il rettilineo verso la finale.

Non è finita, i ragazzini francesi sono imprevedibili: però i bianconeri sono monotoni. Colpiscono, vincono, controllano. Hanno 5 anni e 99 giorni, in media, più degli avversari (record di una semifinale di Champions) ma la vecchiaia ce la ricordavamo diversa.

In più qualcuno fa notare che l’ultima volta che hanno preso gol in Champions Obama era ancora presidente Usa…

Organizzazione, prestazioni dei difensori, soluzioni tattiche e i poteri di Super Gigi Buffon rendono la porta inviolabile.

Quella avversaria la sfondano loro, la coppia di eroi di Montecarlo: Higuain e Dani Alves.
Il Pipita cancella terabyte di file di Word e di note vocali – per continuare la similitudine calcistico-informatica – sulla sua inconsistenza nelle gare che contano con un destro preciso nell’angolino e una scivolata da bomber vero. Decide lui, quello da 90 milioni, quello portato a Torino proprio per questo. Quello che si è preso del traditore perché convinto che per vincere doveva andare altrove.

Al momento tocca a Voi provare alla Juventus, ed a lui, che avevano torto. Torto marcio aveva chi ha dubitato, in questi mesi, di Dani Alves: l’uomo che ha dato più assist di chiunque altro, Messi compreso.

I primi mesi erano riscaldamento, ora Dani fa sul serio. Domina sui due fronti, piazza tre assist e recupera cinque palloni.

Le vere opere d’arte collettive sono pochissime. Molto più probabile che il genio lavori da solo, quando ci si mette in tanti ognuno vuole portarci del suo e viene fuori un gran pastrocchio.

Ecco, il primo gol della Juve invece è uno di quei rari casi in cui una Gioconda viene dipinta a più mani.

Su tutte, anche dopo il secondo goal, quelle di Buffon, sino al 90’, sul colpo di testa di Germain. Lemar, Bakkyoko, Falcao, Mbappé, non sono distanti da quelli che hanno fatto a fette City e Borussia: sono gli avversari che sono diversi. Molto diversi.

Leave a Comment

Rate this by clicking a star below: