Roger Waters porterà “The Wall” dei Pink Floyd davanti al muro di Trump

fonte articolo e foto – rollingstone.it – redazione.

L’artista è stato sicuramente uno dei più attivi nelle manifestazioni contro il nuovo presidente degli Stati Uniti e, tra l’annuncio del nuovo album e di una reunion dei Pink Floyd, non ha perso l’opportunità per un ultimo affronto

Tra i tantissimi artisti che hanno alzato la propria voce per protestare contro la propaganda prima e l’elezione poi di Donald Trump, uno su tutti si è decisamente distinto in questa particolare classifica, e non è nemmeno statunitense; stiamo parlando di Roger Waters, l’ex bassista e leader dei Pink Floyd.

Come esempio basti ricordare l’esibizione di Waters al Desert Trip, quando durante la sua esibizione con Pigs dei Pink Floyd, sullo schermo scorrevano immagini che dipingevano Trump nei modi più crudeli e imbarazzanti possibili, mentre sullo sfondo scorrevano scritte del tipo «maiale, falso, ladro, xenofobo, razzista, bugiardo». Tuttavia, gli affronti con cui l’ex Floyd è deciso a sfidare il nuovo presidente degli Stati Uniti non sono assolutamente finiti dato che, durante una conferenza al Victoria & Albert Museum in occasione della mostra The Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains, è stato lo stesso Waters a rivelare di voler organizzare suonare The Wall dei Pink Floyd proprio davanti all’ormai celebre muro che Donald Trump intende costruire tra Messico e Stati Uniti.

«The Wall è di grande attualità, soprattutto ora con Trump, le sue dichiarazioni sui muri e la sua capacità di creare la massima ostilità tra razze e religioni diverse – ha detto Waters – The Wall parla di come possa essere dannoso costruire mura sia a livello personale che a livelli più ampi», ha aggiunto l’ex Floyd . «Bisogna restare in allarme davanti a queste politiche di estrema destra. Le fogne sono colme di avidi uomini di potere e la musica deve esprimere una forma di protesta».

L’artista, inoltre, con l’ex collega Nick Mason si era espresso sulla possibilità di una reunion dei Pink Floyd, mentre le conferme sul suo nuovo album solista, intitolato Is this the life we really want?, erano arrivate tramite il canale Facebook dello stesso Waters. L’Lp, il quarto da solista per Waters, è stato realizzato in studio assieme a Nigel Godrich, il mitico producer dei Radiohead.

Leave a Comment

Rate this by clicking a star below: