Katy Perry bandita a tempo indeterminato dalla Cina

fonte articolo e foto – rockol.it – redazione.

lla cantante di “California Gurls” è stato negato il visto di ingresso nella Repubblica Popolare Cinese a tempo indeterminato: Katy Perry era attesa per il prossimo lunedì, 20 novembre, a Shanghai, in occasione di un evento organizzato da Victoria’s Secret, ma le autorità di Pechino – che in un primo momento non si erano opposte al suo ingresso nel paese – nelle ultime ore hanno fatto dietrofront, inserendo il nome della popstar nell’elenco – lungo – di ospiti indesiderati.

Ai sempre attenti funzionari del governo cinese è evidentemente tornata alla mente l’esibizione che la cantante tenne nel 2015 a Taipei, quando – poco dopo il picco delle proteste di piazza contro l’accordo commerciale stipulato dal governo taiwanese con quello cinese – la Perry si presentò sul palco con un vestito ornato da un grande girasole sul busto, omaggiando implicitamente così il movimento anticinese, che proprio dei girasoli aveva fatto il proprio emblema.

Del resto le condizioni poste da Pechino alle personalità musicali in visita nel paese sono sempre estremamente stringenti, e subordinate a indagini estremamente approfonditi: mentre a Bjork e Oasis fu negato il visto di ingresso temporaneo per aver pubblicamente supportato la causa tibetana, i Maroon 5 furono inseriti nell’elenco delle persone non grate solo perché un elemento del gruppo inviò un tweet di auguri al Dalai Lama in occasione del suo compleanno.

Commenta

Leave a Comment

Rate this by clicking a star below:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.