The National, irruenza e poesia a Milano

fonte articolo e foto – ansa.it – redazione musica.

In 15 mila a Expo per gli americani e per i Franz FerdinandCon un’ora e mezza di musica appassionata, lacerante e poetica, gli americani The National hanno chiuso il 7 settembre in Area Expo Experience la seconda giornata di Milano Rocks di fronte a circa 15 mila persone (dato degli organizzatori). A precederli gli scozzesi Franz Ferdinand, che dopo Mèsa e Stella Maris hanno portato un’atmosfera di indie rock anni Zero. Sul grande palco sono quindi saliti i The National, di ritorno in Italia dopo due anni. La band originaria dell’Ohio ma di base a Brooklyn ha aperto con l’ultimo LP, ‘Sleep Well Beast’. Un apparato visuale minimale riprende la frammentazione psicologica e di affetti che Matt Berninger intona con un baritono da subito strappato e irruento. Le geometrie irregolari delle tastiere e chitarre dei gemelli Dessner e la sezione ritmica palpitante dei fratelli Devendorf sono rimpolpate da una tromba e un trombone, che arricchiscono anche i brani del passato come ‘Don’t Swallow the Cap’, la cui sussurrata melodia viene sostenuta dagli ottoni.

Commenta